torna alle opere

opera successiva
opera precedente



















































LMM-132
Mondovė, Monastero di San Biagio



prospetto finale [ 2003-10 ]



reperto originale [ 2002-11 ]



contesto [ 2003-10 ]


UBICAZIONE
provincia Cuneo (Italia).
comune Mondovė.
indirizzo Frazione San Biagio.
edificio Monastero di San Biagio.
collocazione inglobato nel sottotetto della dipendenza antistante l'edificio principale, su un prospetto orientale originariamente esterno.
latitudine 44 24 43 N.
longitudine 7 42 47 E.
correzione fuso + 29m 09s.

QUADRANTE
tipo quadrante solare piano verticale declinante orientale.
declinazione -22,7.
larghezza 151.
altezza 116.
da terra alla base 565.
gnomone ortostilo (17,1 cm) a punta di spada.
demarcazioni linee orarie italiche, linea meridiana, retta equinoziale, iperboli solstiziali.
motto .
altre iscrizioni in basso a sinistra "1707", in basso al centro "Rs:Ds:IO:B:V" (sigla riferita al committente: "Reverendus Dominus Johannes Baptista V..." sottinteso "Fecit Facere", il "Reverendo Signor Giovanni Battista V... Fece Fare"); a sinistra un simbolo indecifrato (una variante del segno zodiacale dei gemelli, probabilmente marchio dell'autore, presente anche sul quadrante gemello LMM-131 e su altri quadranti in provincia); centrato esternamente in basso "RESTAURO SOLARIA SNC 2003".
data originale 1707.
autore originale anonimo.
note sul quadrante la collocazione di questo quadrante all'interno di un sottotetto č ovviamente dovuta ad un ampiamento architettonico successivo; il quadrante ha un gemello ortogonale (LMM-131) sulla facciata dell'edificio principale; l'impianto integra il complesso gnomonico di San Biagio costituito nell'insieme da 6 quadranti (LMM-131, LMM-132, LMM-133, LMM-134, LMM-135, LMM-136); rispetto al suo gemello presenta alcune curiose differenze tra cui spicca la modifica della sigla in basso, ancor pių intrigante per il fatto di essere stata cancellata direttamente dall'autore ancora in fase d'opera, ricoprendola di tinta rossa (e tuttavia col passar del tempo riemersa in trasparenza); inoltre questo quadrante presenta una fattura molto pių grezza dell'altro (inutilizzo del giallo ocra, assenza del motto, ecc.), come se qualche strana vicissitudine fosse intercorsa durante la messa in opera del duplice impianto.

INTERVENTO
data intervento 2003-10.
committente Associazione Madonna della Fiducia.
tipo di intervento restauro.
realizzazione tecniche di restauro (pulitura, consolidamento, fissaggio e reintegrazioni pittoriche).
autori e collaboratori Lucio Maria Morra e Fabio Garnero.
note sull'intervento essendo stato rinchiuso in un fabbricato successivo, l'impianto originale si č conservato perfettamente; il problema pių consistente č stato provocato da un cedimento strutturale della parete con la conseguente formazione di una notevole crepa longitudinale e lo sfasamento irregolare delle due porzioni del supporto; il reperto presentava frattanto una grossolana rappezzatura apportata in passato e varie colature risalenti ai diversi interventi edilizi posteriori; lo gnomone originale era stato asportato e, nonostante la meridiana sia tuttora oscurata, si č comunque proceduto alla sua reinstallazione e taratura, riproducendo (in ferro battuto ad opera del fabbro Marco Dotta) il modello dell'ortostilo a punta di spada presente sul gemello all'esterno.