torna alle opere

opera successiva
opera precedente



















































LMM-085
Cherasco, Torre Civica



prospetto finale [ 2000-07 ]



documento fotografico [ decennio 1950 ]



contesto [ 2000-07 ]


UBICAZIONE
provincia Cuneo (Italia).
comune Cherasco.
indirizzo Via Cavour, s/n.
edificio Torre Civica.
collocazione sul prospetto meridionale (quadrante superiore).
latitudine 44 39 06 N.
longitudine 7 51 27 E.
correzione fuso + 28m 34s.

QUADRANTE
tipo quadrante solare piano verticale pressoché non declinante.
declinazione -1,5.
larghezza 300.
altezza 300.
da terra alla base 940.
gnomone stilo polare (337,5 cm) a catena in trazione sostenuta da mensola tripode.
demarcazioni linee orarie civili (quarti d'ora).
motto "JE DIS A TOUS, MEME SI JE NE LES CONNAIS PAS." (francese, "Parlo a tutti, anche se non li conosco").
altre iscrizioni "ANNO 2000 - RICOSTRUZIONE", "L.M.MORRA - M.TEBENGHI".
data originale databile prima metà del XIX secolo.
autore originale anonimo.
note sul quadrante all'inizio dell'800 fu realizzata una intonacatura generale della torre e su tale intonaco fu dipinto il presente quadrante; nei recenti anni '70 la torre venne nuovamente ristrutturata e l’intonaco fu scrostato del tutto per riportare l’edificio alla originaria conformazione medioevale; in questa occasione i resti verosimilmente dilavati del quadrante furono eliminati in modo definitivo, non venendo rimossa tuttavia la struttura metallica dello gnomone a catena; in quella stessa circostanza tornò alla luce un reperto settecentesco (LMM-055), che venne quindi sottoposto ad un primo intervento di restauro conservativo.

INTERVENTO
data intervento 2000-07.
committente sponsor privato.
tipo di intervento ricostruzione.
realizzazione pittura murale (silicati).
autori e collaboratori Lucio Maria Morra, Fabio Garnero, Mario Tebenghi (contributo all'esecuzione pittorica).
note sull'intervento il quadrante è stato ricostruito in posizione più elevata rispetto all'originale per non sovrapporsi, come in precedenza, al quadrante settecentesco; lo gnomone originale, restaurato dal fabbro Marco Dotta di Bene Vagienna, è stato ripristinato.