torna alle opere

opera successiva
opera precedente



















































LMM-057
Barbaresco, Piazza del Municipio



prospetto finale [ 1999-07 ]



contesto [ 1999-07 ]


UBICAZIONE
provincia Cuneo (Italia).
comune Barbaresco.
indirizzo Via Torino, 34.
edificio Casa Minuto.
collocazione sulla facciata prospiciente la piazza del Municipio.
latitudine 44 43 29 N.
longitudine 8 04 53 E.
correzione fuso + 27m 40s.

QUADRANTE
tipo quadrante solare piano verticale pressoché non declinante.
declinazione -2,9.
larghezza 480.
altezza 360.
da terra alla base 170.
gnomone stilo polare (100 cm) con staffa di sostegno a voluta e indice a sferetta (gnomone vero 70,5 cm, ortostilo 50 cm).
demarcazioni linee orarie vere del fuso (mezzore), linea meridiana, retta equinoziale, iperboli solstiziali, 40 riferimenti meridiani universali.
motto "DA LABOREM DABO FRUCTUS" (latino, "Dà il lavoro, darò i frutti").
altre iscrizioni "DE BARBARISCO TURRIS ET ARX" (motto latino del Comune di Barbaresco, "La torre e la fortezza di Barbaresco"), "LUCIO MARIA MORRA", "GIUGNO 1999".
note sul quadrante l'impianto decorativo celebra il ciclo annuale della coltivazione della vigna e della produzione del vino attraverso una serie di 12 illustrazioni, su altrettante formelle perimetrali, estratte dall'incunabolo "Ruralia Commoda" di Pietro de' Crescenzi (1233-1320), il primo trattato di agricoltura pubblicato a stampa, nel 1471; centrato in basso è riportato lo stemma del Comune di Barbaresco cioè uno scudo d'oro al castello d'azzurro, merlato, torricellato e muragliato, sormontato dalla corona di comune e contornato da un ramo d’alloro fogliato e fruttifero e da un ramo di quercia fogliato e ghiandifero al naturale decussati sotto la punta e annodati da un nastro tricolore.

INTERVENTO
data intervento 1999-07.
committente Comune di Barbaresco.
tipo di intervento realizzazione ex novo.
realizzazione pittura murale (lavabili).
autori e collaboratori Lucio Maria Morra.
note sull'intervento l'intervento ha incluso l'esecuzione di una finta finestra pittorica sulla sinistra del prospetto per compensare, nella soluzione compositiva simmetrica, la finestra reale già presente sulla destra; gnomone realizzato dal fabbro Marco Dotta di Bene Vagienna.